Cos’è la Tassa sui Servizi Indivisibili (TA.SI.)

Cos’è la Tassa sui Servizi Indivisibili (TA.SI.)

La TA.S.I., è nata con la Legge di Stabilità 2014 e cioè la Legge 27 dicembre 2013, n. 147. Cercheremo di spiegare, in questo articolo che cos’è la Tassa sui Servizi Indivisibili (TA.SI.). Per essere più precisi, la TA.S.I. nasce all’interno della più articolata I.U.C. (Imposta Unica Comunale). La IUC non è un’imposta, né una tassa ma è una terminologia che è stata utilizzata per incorporare tre tributi e cioè IMU, TA.SI. e TA.RI. C’è, però, chi ancora oggi, pensa che la I.U.C. (Imposta Unica Comunale) sia un’imposta quando, in effetti, non lo è.

La TASI va pagata da chiunque abbia la proprietà di unità immobiliari così come descritte dal comma 669 e seguenti della predetta legge n. 147. Tali unità sono rappresentate dai fabbricati, dalle aree fabbricabili. Non sono invece tassabili i terreni agricoli e le abitazioni principali. I comuni possono anche azzerare l’aliquota relativa alla TASI e non far pagare la tassa ai cittadini. Ciò secondo quanto disposto dall’art. 1, comma 676 della Legge 147/2013. Va, anche, considerato, comunque, che nel computo generale tra IMU e TASI la somma delle aliquote non può superare il 10,6 per mille.



Cosa sono i Servizi Indivisibili ??

Il titolo del paragrafo “Cos’è la Tassa sui Servizi Indivisibili (TA.SI.)” ci consente anche di spiegare cosa sono detti servizi. Non si tratta di servizi a “domanda individuale”. Un servizio a domanda individuale è, per esempio, il trasporto scolastico. Quelli relativi alla TASI sono resi agli utenti in forma generalizzata.

All’interno dei servizi indivisibili vanno ricompresi la manutenzione delle strade e della pubblica illuminazione, la sicurezza garantita dal comando vigili urbani, l’anagrafe, la protezione civile, l’arredo urbano o la cura del verde pubblico. La legge istitutiva della TA.S.I. prevede che ogni comune, nel suo interno, deve individuare i vari servizi indivisibili (tra quelli sopra elencati) che devono essere finanziati dal tributo. In genere, gli enti, individuano tali servizi all’interno dell’apposito regolamento approvato dal Consiglio Comunale.

Le aliquote della TA.SI.

Per quanto riguarda le aliquote, i comuni hanno la possibilità di approvarle fino ad un massimo del 2,5 per mille. In ogni caso, tra IMU e TASI, non si può superare il limite del 10,6 per mille. Va, comunque, sottolineato che con Decreto legge 6 marzo 2014 n. 16 convertito nella Legge 2 maggio 2014, n. 68, sono state introdotte alcune novità rispetto alla Legge di istituzione della TASI. Le amministrazioni comunali possono approvare un incremento delle aliquote dello 0,8 per mille oltre il valore massimo del 2,5 per mille.


Pertanto, i comuni potrebbero anche arrivare al 3,3 per mille ma ad una condizione. Tale condizione è quella che il maggior gettito dovrà essere destinato a finanziare detrazioni di imposta o altri agevolazioni a favore dell’abitazione principale o altre unità immobiliari ad essa equiparate. Per quel che riguarda i “fabbricati rurali strumentali” occorre porre in evidenza che l’aliquota deliberata dai comuni non può mai essere superiore al 1 per mille.

Le riduzioni ed esenzioni sulla TASI

Tutti gli enti comunali, con regolamento da adottarsi ai sensi dell’art. 52 del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446, possono prevedere esenzioni o riduzioni su tale tributo. Il comma 679 dell’art. 1, Legge n. 147/2013 ha previsto le materie sulle quali i comuni possono prevedere delle agevolazioni. Queste sono le materie.

  • abitazioni con un solo occupante;
  • abitazioni utilizzate per uso stagionale od altro uso discontinuo e limitato;
  • locali, diversi dalle abitazioni ed aree scoperte, adibiti ad uso stagionale o ad uso non continuativo, ma frequente;
  • abitazioni occupate da utenti che risiedano o abbiano la dimora all’estero, per più di sei mesi all’anno;
  • fabbricati rurali utilizzati ad uso abitativo;
  • fabbricati concessi in comodato gratuito.

Chi deve pagare e cos’è la TASI

Fino ad ora abbiamo spiegato cos’è la Tassa sui Servizi Indivisibili. In questo paragrafo, invece, spieghiamo chi deve pagare la TASI. Ai sensi del comma 681 dell’art. 1 della medesima Legge 27 dicembre 2013, n. 147, la quota di TA.S.I. va pagata dal proprietario dell’immobile o, nel caso in cui sia presente un affittuario, va condivisa con quest’ultimo. La tassa va pagata solo dal proprietario se l’abitazione è “principale” per l’affittuario. Per essere abitazione principale, l’inquilino deve occuparla a titolo principale e su di essa deve trasferire la propria residenza anagrafica.

Se per l’affittuario, il fabbricato non si configura come residenza principale, l’aliquota della TASI, di sua spettanza, va dal 10 al 30 per cento del gettito totale (a seconda delle varie deliberazioni comunali). Quindi, in tal caso, sono i comuni a stabilire in che misura gli inquilini devono partecipare alla spesa. Il termine per l’approvazione delle aliquote da parte dei comuni, a mezzo dei rispettivi consigli comunali,  è quello fissato dalle norme statali per l’approvazione del bilancio di previsione.


Cos’è la dichiarazione TASI

I soggetti passivi della Tassa sui Servizi Indivisibili, siano essi proprietari o affittuari, così come accade per l’IMU, devono presentare la relativa dichiarazione presso i competenti uffici comunali. Nella maggior parte dei casi va presentata presso gli uffici tributi entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello in cui si è concretizzata l’occupazione.

Tale dichiarazione può essere inoltrata anche da uno dei soggetti interessati dall’occupazione. Nel caso dei proprietari, dopo avere acquisito il relativo titolo do proprietà (compravendita, donazione, successione, ecc.). Gli affittuari, invece, dopo la stipula (e la conseguente registrazione presso l’Agenzia delle Entrate) del contratto di affitto.


La scadenze per il pagamento della Tassa sui Servizi Indivisibili

Il pagamento del tributo deve essere effettuato entro le stesse scadenze dell’Imposta Municipale Unica e cioè entro il 16 Giugno (l’acconto) ed entro il 16 Dicembre (il saldo). I predetti termini possono slittare di qualche giorno in avanti se il giorno di scadenza ricadrà nelle giornate di sabato o domenica. Esempio: scadenza naturale 16 Giugno (sabato) – proroga al lunedì 18 giugno.

Le modalità di versamento

La modalità, principalmente, utilizzata per effettuare il versamento è quella del modello F24. Attraverso questa modalità il pagamento transita al comune attraverso l’Agenzia delle Entrate. Ma possono anche essere utilizzati altri sistemi di pagamento come i bollettini di conto corrente postali (anche poste private) o il bonifico SEPA.

Tale ultimo sistema deve necessariamente utilizzato dagli utenti che risiedono all’estero. Infatti, dalle nazioni estere non è possibile pagare con i sistemi tradizionali (F24 o bollettini di c/c). Pertanto, i cittadini che si trovano in altri stati possono solo effettuare il versamento tramite bonifico. L’importo del versamento va arrotondato per eccesso, all’euro superiore, se la somma dovuta contiene dei decimali superiori ai 49 centesimi. Nel caso in cui, invece, detti decimali siano inferiori a 49 centesimi, la somma va arrotondata all’euro per difetto.


A tal fine gli enti, dovranno informare i predetti utenti circa le coordinate bancarie da utilizzare, cioè codice IBAN, codice BIC-SWIFT (necessario per il bonifico dall’estero) e l’intestazione del conto corrente. L’utente, nell’effettuare il versamento, deve indicare nella causale del bonifico, l’anno d’imposta ed il nominativo del soggetto per il quale l’imposta viene assolta.

Gli utenti di sesso femminile devono fare molta attenzione ad indicare, nella causale, il cognome risultante dall’anagrafe italiana. Ciò in quanto è piuttosto ricorrente, per alcuni stati, utilizzare il cognome del marito al momento del versamento e gli uffici italiani hanno spesso molte difficoltà ad associare il pagamento all’utenza corretta (cioè quella della moglie).

Quando il comune, per tale ragione, non riesce ad agganciare il versamento all’utenza corretta (e quindi al relativo codice fiscale) emetterà un avviso di accertamento. Alla fine l’utente riuscirà a dimostrare che il pagamento è stato regolarmente effettuato ma, chiaramente, si innesca un procedimento spiacevole genera una serie di disguidi e disagi sia per l’ente che per il cittadino.

Alcuni problemi legati ai pagamenti con modello F24

Ai cittadini residenti in Italia, si consiglia di prestare molta attenzione nel caso di pagamento con F24 . Infatti, sbagliare un numero o una lettera nell’indicazione del “codice comune” può creare notevoli disagi o calvari. I soldi, infatti, finiranno in altri comuni e per recuperarli (versandoli al giusto comune) occorrerà iniziare pratiche di rimborso che possono avere anche tempi relativamente lunghi. Per legge, gli enti devono lavorare tali richiesta entro il termini di 180 giorni dal ricevimento ma tali tempi possono anche subire allungamenti in base alle varie situazioni contabili delle amministrazioni interessate. Anche importanti sono i “codice tributo”.


Infatti, questi variano in base al tributo. Di conseguenza utilizzare, per errore, il codice 3944 (codice relativo alla Tassa Rifiuti) per il pagamento della TASI, può, allo stesso tempo creare dei problemi in fase di importazione dei versamenti. Anche, in tale ultimo caso, ciò può portare fuori strada gli enti con tutti gli eventuali problemi gestionale che ne possono derivare.

Le richieste di rimborso per TASI pagata e non dovuta

Può capitare di effettuare un versamento a titolo di TASI (Tassa sui Servizi Indivisibili) senza saperne cos’è o senza che esso fosse dovuto. In tal caso, bisogna presentare una richiesta di rimborso. I termini per effettuare la richiesta è di 5 anni. Ciò ai sensi dell’art. 1, comma 164 della Legge 27 dicembre 2006, n. 296. Bisogna fare molta attenzione a non far passare tale scadenza in quanto si perderebbe il diritto alla restituzione della somma. Il diritto al rimborso, per somme TASI indebitamente versate, spetta, ovviamente, sia al proprietario che all’affittuario.

Fac-Simile domanda di rimborso

Qui sotto è possibile scaricare i due modelli di rimborso (proprietario ed affittuario). Chiaramente vanno compilati con i dati dei soggetti interessati. Importante anche indicare gli anni relativi al versamento. Inoltre, bisogna anche allegare le ricevute del versamento ed il documento di riconoscimento.


Cos’è la Pace Fiscale nella TASI

Il Decreto Fiscale 2019 che contempla la “Pace Fiscale” ha previsto il coinvolgimento della TASI solo nello stralcio delle cartelle fino a 1000 Euro. Non è stata inserita, invece, anche negli altri provvedimenti agevolativi e cioè “rottamazione ter” e “saldo e stralcio”. Un articolo di questo sito descrive, in maniera dettagliata, questa materia.

Attenzione a non pagare di più per IMU e TASI

Sono tanti i contribuenti che chiedono agli uffici tributi cos’è la Tassa sui servizi indivisibili. Sono anche tanti quelli che hanno pagato la TA.SI. senza che fosse dovuta. In un articolo di questo sito vi sono delle importanti indicazioni per evitare di pagare soldi in più per sia per TASI che per IMU. Spesso, per distrazioni, possiamo ritrovarci a pagare tante somme in più rispetto al dovuto. Cliccando qui potete leggere l’articolo: Consigli utili su IMU e TASI.

Qui appresso vi diamo altri importanti consigli su come gestire al meglio i pagamenti di IMU, TASI e TARI:


Altri articoli interessanti presenti su questo blog

All’interno del presente blog tributicomunali.it sono presenti vari articoli con cui diamo tanti consigli importanti sui tributi locali. Uno di questi articoli è quello delle novità 2019 sui tributi comunali approvate con l’ultima legge di bilancio. Un altro articolo da leggere è quello delle agevolazioni per gli italiani all’estero. Questo articolo tratta dei benefici che hanno i residenti all’estero su IMU, TASI e TARI. Un’altro articolo di sicuro interesse è quello sul beneficio abitazione principale per anziani e disabili nei luoghi di cura.

Iscriviti alla newsletter